Progettazione Impianti di Refrigerazione

Premessa

Gli impianti di refrigerazione sono sistemi progettati per diminuire la temperatura interna di un ambiente, rispetto alla temperatura esterna.

Gli ambienti da refrigerare invece, sono classificati in base alla temperatura di esercizio, alle dimensioni dei locali ed al tipo di impiego.

Per ambiente refrigerato si intende un locale utilizzato per per la conservazione o per la lavorazione e il confezionamento di alimenti, dove viene mantenuta una temperatura stabile, che può essere maggiore di 0°C oppure inferiore.

Gli ambienti refrigerati costituiti da uno o più locali, aventi un volume complessivo superiore a 500 mc, vengono definiti normalmente magazzini frigoriferi, quelli con un volume inferiore a tale valore, vengono definiti celle frigorifere e differiscono dai magazzini frigoriferi, sia per le caratteristiche strutturali che per le finalità di impiego.

 

Classificazione impianti di refrigerazione

- Temperatura fino a 0°C: lavorazione e conservazione di prodotti alimentari freschi

- Temperatura compresa tra -18°C e -30°C: conservazione di prodotti surgelati e gelati

- Temperatura compresa tra -30°C e -40°C: processi di produzione di prodotti surgelati

 

 

Classificazione ambienti refrigerati

- Conservazione prodotti freschi

- Conservazione prodotti surgelati, congelati e gelati

- Maturazione e stagionatura di salumi e formaggi

Progettazione

La FRIGOTERM IMPIANTI Srl dispone di personale e tecnici qualificati, che con un rapporto diretto e personale e con la massima flessibilità e professionalità, seguono tutte le fasi del lavoro di progettazione.

Negli impianti che utilizzano come fluido refrigerante l'ammoniaca, oltre ad impiegare personale interno, ci avvaliamo della collaborazione di professionisti specializzati in questo campo che hanno conseguito nel corso degli anni una grande esperienza nella manutenzione e conduzione di impianti di grandi complessi industriali. Inoltre siamo in grado di risolvere i problemi di natura tecnica o burocratica, derivanti dall'impiego di questo tipo di refrigerante.

Nell'ottica di fornire servizi completi e tecnologicamente avanzati, offriamo la nostra consulenza a partire dallo studio di fattibilità alla gestione chiavi in mano, incaricandoci dell'esecuzione di tutte le fasi occorrenti per la realizzazione dei lavori.

 

La FRIGOTERM IMPIANTI Srl per la realizzazione di un ambiente refrigerato, prevede una fase preliminare di progettazione, nella quale sulla base della tipologia di merce da raffreddare, quantità e movimentazione, temperature di ingresso e di conservazione, luogo di installazione, ecc. vengono definite le caratteristiche dei componenti da installare.

 

      Caratteristiche Tecniche Componenti

  • Spessore pannelli
  • Giunzione pannelli
  • Profili di raccordo
  • Ancoraggio pannelli
  • Valvole di compensazione
  • Porte isotermiche
  • Isolamento pavimento
  • Impianto di refrigerazione
  • Impianto elettrico per il funzionamento delle macchine frigorifere
  • Impianto di illuminazione

Celle frigorifere fino a  0°C

Le applicazioni tipiche delle celle frigorifere fino a 0°C, sono la conservazione di prodotti ortofrutticoli, carni, salumi e formaggi e settore ittico.

Per l'accesso alle celle frigorifere, nei grandi impianti, è consigliabile la presenza di una Anticella refrigerata ad una temperatura di 10°C/12°C, per garantire la continuità delle temperature delle merci, durante le operazioni di movimentazione in ingresso e in uscita.

All'interno dell'anticella, le merci sostano soltanto per il tempo necessario per l'identificazione, il controllo e la loro movimentazione.   

Celle Frigorifere a Bassa Temperatura

Le celle frigorifere a Bassa Temperatura, sono realizzate per la conservazione di prodotti congelati fino a -40°C. Rispetto ad  una  cella  TN  a 0°C presentano dispersioni più alte, dovute alla maggiore differenza esistente tra la temperatura interna e quella esterna.

Per diminuire le dispersioni, una cella frigorifera a Bassa Temperatura richiede pannelli di spessore maggiore, porte di accesso con il tampone di chiusura di spessore maggiorato e resistenze elettriche all'interno del telaio per impedire il bloccaggio della porta causato dal ghiaccio. Inoltre occorre realizzare l'isolamento del pavimento ed eseguire l'impianto di refrigerazione seguendo particolari accorgimenti.

E' consigliabile la presenza di una Anticella refrigerata fino ad una temperatura di 0°C o inferiore, per limitare gli ingressi di aria calda all'interno delle celle frigorifere, durante le operazioni di carico e scarico della merce.

Pannelli isolanti

La FRIGOTERM IMPIANTI Srl nella scelta dello spessore di pannelli segue le indicazioni della norma UNI EN 10933 e pertanto consiglia di utilizzare i seguenti spessori, in funzione della temperatura e tipologia di installazione.

 

       Pannelli per ambienti refrigerati fino a 0°C 

  • Spessore 100 mm (se installate all'interno degli stabilimenti)
  • Spessore 120 mm o maggiore (se installate all'esterno degli stabilimenti)
  • Per celle frigorifere di piccole dimensioni o con alte temperature di conservazione possono essere utilizzati pannelli di spessore inferiore.

 

 

       Pannelli per ambienti refrigerati a Bassa Temperatura

  • Spessore minimo 200 mm fino a 240 mm
  • Per celle frigorifere di piccole dimensioni, possono essere utilizzati pannelli di spessore inferiore

Impianto di Refrigerazione

La FRIGOTERM IMPIANTI Srl progetta l'impianto di refrigerazione, dopo aver analizzato tutti i dati necessari per calcolare la potenza frigorifera occorrente per il raffreddamento del prodotto. Alcuni dati sono forniti dal cliente, mentre altri sono forniti dal nostro ufficio tecnico.

 

       Dati forniti dal cliente

  • Dimensioni esterne cella frigorifera (lunghezza, larghezza, altezza)
  • Posizione cella frigorifera (interna o esterna)
  • Tipo di prodotto da raffreddare
  • Tipologia di confezionamento o stivaggio
  • Temperatura di ingresso del prodotto nella cella frigorifera
  • Temperatura di conservazione del prodotto all'interno della cella frigorifera
  • Quantità di prodotto introdotto giornalmente nella cella frigorifera
  • Quantità totale di prodotto introdotto nella cella frigorifera
  • In quante ore il prodotto deve essere raffreddato alla temperatura di conservazione
  • Tempo di apertura delle porte per le operazioni di carico e scarico
  • Numero di persone presenti nella cella frigorifera

 

       Dati forniti dal nostro ufficio tecnico 

  • Spessore dei pannelli coibentati per il calcolo delle dispersioni
  • Temperatura esterna massima
  • Carico termico dell'illuminazione

 

Sulla base di tutti questi dati, il nostro ufficio tecnico esegue i calcoli occorrenti per determinare la potenza frigorifera necessaria alla conservazione del prodotto e la tipologia dell'impianto da realizzare, il tipo e il numero dei compressori frigoriferi, gli evaporatori e il tipo di sbrinamento, e tutti gli altri componenti.

Impianto Elettrico Macchine Frigorifere

L'impianto di refrigerazione, viene gestito e controllato dall'impianto elettrico che è costituito da quadri di potenza e distribuzione, sensori, cavi di alimentazione e cavi trasmissione dati.

I quadri elettrici, sono realizzati in metallo oppure in materiale plastico autoestinguente e contengono il sezionatore generale blocco porta, regolatori elettronici, fusibili, teleruttori, relè e timer occorrenti per la corretta gestione dell'impianto.

 

           Utenze gestite dai quadri elettrici

  • Visualizzazione e variazione temperatura ambienti refrigerati
  • Messa in marcia e fermata dell'impianto di refrigerazione
  • Gestione tempi e durata sbrinamento
  • Gestione allarmi

 

La FRIGOTERM IMPIANTI Srl  realizza i quadri e l'impianto elettrico, in conformità con la normativa vigente, in particolare CEI EN 60204-1 ; UNI EN 378-1; UNI EN 378-2; UNI EN 378-3.

Le utenze frigorifere sono alimentate dai quadri elettrici, con cavi del tipo antifiamma FG7 e/o FROR 450-750 posati all'interno di canaline portacavi realizzate in acciaio zincato chiuse con coperchi.

Le derivazioni alle utenze, sono realizzate in tubo rigido e guaina in PVC autoestinguente, con cassette stagne e raccordi a tenuta.  

Impianto di Illuminazione dei Luoghi di Lavoro

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO:  Norma UNI EN 12464-1     "Illuminazione dei luoghi di lavoro"

 

All'interno dei luoghi di lavoro e in particolare nelle celle frigorifere e altri ambienti refrigerati, deve essere installato un impianto di illuminazione per salvaguardare la sicurezza, la salute e il benessere dei lavoratori, come prevede la normativa vigente.

L'impianto viene realizzato con  plafoniere stagne o corpi illuminanti montati a soffitto, con lampade a neon oppure a led, comandate direttamente dal quadro elettrico dell'ambiente dove sono installate, oppure da appositi pulsanti.

Per le celle frigorifere o magazzini refrigerati, la normativa prevede un illuminamento medio di 100 lux, che diventa 200 lux se occupato continuamente. Per sale lavorazione, imballaggio, spedizione il valore di illuminamento medio è di 300 lux.

In ogni caso per zone occupate continuamente, l'illuminamento medio non deve essere inferiore a 200 lux. I valori riportati si intendono minimi, sotto i quali non bisogna scendere.

Impianto di Illuminazione di Emergenza dei Luoghi di Lavoro

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO:   Noma UNI EN 1838    "Illuminazione di emergenza"

 

L'illuminazione di emergenza prevede diverse forme di illuminazione, in particolare abbiamo:

 

1) Illuminazione di Riserva

L'illuminazione di riserva, consente il proseguimento della normale attività lavorativa e comprende anche l'alimentazione a tutte o quasi le utenze di forza motrice e di controllo presenti dello stabilimento.

 

2)  Illuminazione di Sicurezza

L'illuminazione di sicurezza, deve garantire un livello di illuminamento sufficiente a consentire l'evacuazione delle persone da un ambiente chiuso ad un'altro più sicuro. 

 

L'illuminazione di sicurezza viene ulteriormente suddivisa in:

2.1 Illuminazione delle vie di fuga

L'illuminazione delle vie di fuga (dette anche di esodo o di evacuazione) assicura l'individuazione dei mezzi (percorsi, varchi, ecc.) destinati a consentire l'evacuazione in sicurezza dai locali. Il livello di illuminamento richiesto non deve essere inferiore a 2 lux in qualsiasi punto delle vie di fuga e di 5 lux in corrispondenza delle scale e delle porte.

 

2.2 Illuminazione antipanico

L'illuminazione antipanico consente di evitare che nelle persone sorga il panico (dovuto al buio), offrendo la possibilità di giungere in un luogo in cui le vie di fuga risultino ben individuabili. Il livello di illuminamento richiesto non deve essere inferiore a 2 lux.

 

2.3 Illuminazione di aree ad alto rischio

L'illuminazione di aree ad alto rischio, garantisce l'illuminazione alle persone coinvolte in situazioni o processi di potenziale pericolo, consentendo la messa in sicurezza di macchinari o impianti. Il livello di illuminamento richiesto non deve essere inferiore al 10% di quello previsto per il corretto svolgimento delle attività, in ogni caso non deve essere inferiore a 15 lux.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© FRIGOTERM IMPIANTI Srl Via Diversivo Acquachiara,11 - 04022 Fondi (LT) - PI: 02563660592 Tel. +39 0771 531564 - Fax. +39 0771 515440 - E-mail: info@frigoterm.it - Web: www.frigoterm.it